Nella nebbia

Un uomo sui quaranta cammina con le mani affondate nelle tasche della giacca di pelle marrone. Il bavero alzato, il passo lento, la stanchezza che non sa se rinfoderarsi o strabordare. Alza gli occhi un momento, solo per vedere se avrebbe preso un palo della luce, e vede di fronte a sé una ragazza. Ogni suo contorno confuso nella nebbia, appare e scompare per poi riapparire, in quel fumo drammatico. Poi svolta a destra, dietro ad un palazzo. Il passo dell’uomo si velocizza, gli occhi diventano due fessure per cercare meglio di fendere il nemico che è ovunque. Svolta anche lui, ma di lei nessuna traccia. Corre, corre per un altro isolato, ma intorno a lui ora c’è solo la speranza che di dissolve nel velo corposo che avvolge tutto. Il petto ansima, la corsa defluisce. L’uomo riapre gli occhi, che lacrimano. Tira fuori la mano destra dalla tasca della giacca. Ha un foglio di giornale. Con una zona cerchiata di rosso. Legge con attenzione, una lacrima ci cade sopra e lo trapassa. L’uomo lo accartoccia spento, gira la testa a destra e a sinistra, e riprende a camminare, scomparendo nella nebbia.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: